2009-14 Come un gioco

Si potesse salvare
per ricominciare quando si vuole,
quando il futuro è ormai cosa nota,
se si è sicuri veramente.

Si potesse salvare e poi caricare
nella vita
come con la play:
avanzare soltanto un poco,
tentare e scoprire
magari va bene
magari riprovo.

Ripartire con un nome nuovo,
punteggio a zero ed una vita
vergine ancora.
Virtualmente reale.

In fondo,
qui non si perde mai niente
nessun lutto e nessun furto.
La soluzione giunge sempre
per il mio ego virtuale.

Qualche emozione, quelle sì,
a rammentar ciò che è stato
fugaci riflessi di un passato svanito,
perduto ormai in un dolce pensiero.

Tanto, si fa sempre a tempo
a salvarsi dal male,
da quell’umano dolore che
ogni scelta nasconde.

 

[N. 14 – 2009]

Data di creazione : 01 settembre 2009

Be Sociable, Share!
    Precedente Il Signor G Successivo 2005-69 L'uomo immortale

    Lascia un commento

    *

    Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.